Gli scatti di crescita

Sono un aspetto importante e fisiologico dell’allattamento materno. E’ importante conoscerli per non cadere inutilmente nel circuito dell’aggiunta di latte artificiale.

In pratica sono dei giorni in cui il bambino è irrequieto ed insoddisfatto al seno, accorcia il tempo tra le poppate e di fatto chiede di poppare in continuazione. Il primo pensiero della mamma e di chi le sta intorno, se ignari della fisiologia degli scatti di crescita, volge al fatto che il latte stia finendo, non sia nutriente ed il bambino necessiti di un’integrazione.

Invece cerchiamo di capire cosa succede, cosa guida il bambino a questa richiesta pressante di stare al seno.

Man mano che il tuo neonato cresce, sino ad un certo punto, aumenta anche la quantità di latte che gli serve per crescere adeguatamente (in base alla sua propria fisiologia).

Il bambino guidato da un’istinto ancestrale aumenta la sua richiesta di poppare e se la madre lo asseconda attaccandolo spesso questo porterà nel giro di qualche giorno ad un aumento sostanziale della produzione di latte.

Tipicamente si osservano scatti di crescita a 2-3 settimane, 6 settimane e 3 mesi, anche se molte mamme raccontano di bambini con scatti di crescita al di fuori di questi periodi.

Durante gli scatti di crescita è importante mantenere la calma e non farsi assalire da dubbi, se sino a ieri il bambino mangiava, faceva la cacca, e cresceva regolarmente non c’è motivo per cui da un giorno all’altro la produzione crolli.

Se davvero fosse possibile, e così freqentemente come si sente, la specie umana non sarebbe giunta sino ad oggi.

Dicevamo…durante gli scatti di crescita sono da evitare ciucci e biberon dati con l’intento di distanziare le poppate e soddisfare in altro modo il bisogno di poppare del bambino.

Solitamente la cosa si risolve nel giro di 2-3 giorni, al massimo una settimana.

Circondatevi di persone positive, contattate la vostra consulente per l’allattamento che vi saprà sostenere in questo processo fisiologico.

Se avete dubbi che qualcosa non stia funzionando come dovrebbe richiedete una consulenza personalizzata, a volte, nel primo periodo, un neonato che non poppa efficacemente può voler stare sempre attaccato, ma potrebbe non trattarsi di uno scatto di crescita bensì di un attacco-suzione inadeguati e da correggere affinché il bambino cresca al meglio e stimoli correttamente il seno.

Lascia un commento