Coliche nel neonato: rimedi, quando iniziano e cibi da evitare

Facciamo un pò di chiarezza sulle coliche che sono un fenomeno tipico dei primi tre mesi di vita dei neonati (incidenza più alta nei maschi).

Solitamente le coliche sopraggiungono in orario tardo pomeridiano-serale, puntuali al punto tale che i genitori sanno predire l’orario.

Hanno una durata costante, sono “inconsolabili” e nemmeno il seno funziona gran che. Il bambino urla, rannicchia le gambine, diventa rosso, soffre intensamente.

Si ritiene che la causa non sia da ricercarsi nel cibo che la mamma mangia e passa nel latte, altrimenti il dolore al pancino potrebbe comparire in un momento qualsiasi della giornata e non solo alla sera.

Una cosa che fa riflettere e che le coliche non esistono in tutte le culture!

Nei paesi dove è usanza il contatto costante con la madre, o chi per essa, i neonati non soffrono di coliche!

Perché?

Sono state fatte diverse ipotesi che collimano con la tendenza odierna che attribuisce le coliche al bisogno del bambino di scaricare tensione e stress (sì anche loro sin da piccini possono soffrirne!).

Dicevamo… in Africa, per esempio, le coliche non si sa cosa siano, si pensa che questo sia dovuto ad una serie di “usanze”.

Innanzitutto quella di portare “addosso” al corpo della madre, il neonato con l’aiuto di fasce.

Questo contatto continuo ha molteplici effetti benefici:

  1. Massaggio costante al pancino del neontato
  2. L’aria normalmente presente nel pancino viene espulsa più facilmente grazie alla posizione verticale (solitamente il neonato non viene portato nella posizione a culla bensì in quella verticale)
  3. Protezione dagli stimoli esterni

A tutto questo aggiungiamo che la media delle poppate in quei paesi è molto alta e questo fa si che la composizione del latte sia più grassa, questo probabilmente consente un miglior funzionamento del tratto intestinale (eccesso di primo latte contenente molto lattosio da un transito non ottimale con scariche verdastre ed esplosive, vedi articolo feci verdi e mal di pancia).

Nella nostra cultura le coliche sono piuttosto frequenti, provare a sistemare un’allattamento magari non gestito al meglio, provare ad usare la fascia durante il giorno, non solo alla sera nel momento della crisi, potrebbe essere d’aiuto.

Durante le coliche si può provare ad offrire il seno al bambino se lo accetta, vedi anche l’articolo poppate a grappolo.

Oppure tenerlo a pancia in giù sul vostro avambraccio e palmo della mano mentre lo dondolate e battete energicamente a ritmo sul suo sederino (ricorda i battiti del cuore che sentiva in pancia ed aiuta a rilassarlo).

Oppure potete provare ad immergervi in acqua assieme, così come per noi mamme il travaglio in acqua è un buon analgesico così potrebbe esserlo per il vostro bambino.

Se invece il mal di pancia compare non solo la sera, potrebbe essere utile valutare insieme eventuali cibi nella vostra dieta che possono dare fastidio al bambino causandogli mal di pancia.

Lascia un commento